Crociere in Italia

La crociera è una tipologia di vacanza molto particolare, che permette di visitare più località di paesi diversi in una sola vacanza. Viaggiando di notte su autentiche città galleggianti per poi esplorare i luoghi di giorno. E’ un’alternativa a chi cerca strutture ricettive come gli hotel 3 stelle a Riccione o gli hotel con vista mare a Riccione in termini di soggiorno, un’esperienza davvero ricca.

La crociera più classica è quella sul Mediterraneo, dove è possibile apprezzare un mix tra culture europee e mediorientali. Mentre stanno prendendo sempre più piede le crociere tra i ghiacciai, come nell’antartico. Segno questo non proprio positivo, perché vuol dire che stanno venendo meno blocchi di ghiaccio giganti che un tempo ostacolavano le rotte.

Ma come stiamo messi con le crociere in Italia?

Crociere in Italia principali

Da e per l’Italia partono ed arrivano diverse crociere. I porti più importanti sono Venezia, Genova, Civitavecchia, Napoli e Palermo. Le mete generalmente coinvolgono quasi sempre la Spagna e la Grecia, ma possono arrivare a toccare anche la Francia, la Croazia, il Portogallo, il Marocco, l’Egitto, la Turchia e spingersi fino ad Israele. Dunque si predilige il meraviglioso Mediterraneo.

Altre tappe spesso presenti sono anche Malta e Cipro, complici la loro vicinanza con l’Italia e la Grecia.

Crociere in Italia quanto costano?

Ovviamente non è facile dare un prezzo preciso, il range è molto ampio giacché incide sia la stagione sia la lunghezza della stessa, così come l’importanza delle località coinvolte.

In genere, in bassa stagione il prezzo può oscillare tra i 300 e i 500 euro, mentre in estate si possono superare i mille euro a persona. Spesso però le compagnie emettono anche sconti e promozioni, soprattutto nei periodi “più morti” dell’anno, come gennaio-marzo oppure ottobre-novembre. Cioè in quei mesi che ricadono a cavallo dell’estate o di festività come il Natale o la Pasqua.

Conviene fare le Crociere in Italia?

Le crociere in Italia hanno raggiunto livelli qualitativi elevati e la concorrenza è sufficientemente discreta. Il che è una buona notizia per calmierare i prezzi.

In generale, dipende dai propri gusti poiché in genere in ogni località si sta massimo un paio di giorni, quindi potrebbe non piacere a chi vuole soffermarsi più tempo.

Inoltre per alcuni può essere un problema il pensiero di dover viaggiare durante la notte, quindi dormire in mezzo al mare al buio.